Written by | blog, Home, LEAGUE OF LEGENDS, videogame

Alcune volte, quando il processo creativo di un personaggio raggiunge il suo apice, non solo la sua idea ed il suo concept trovano vita, ma si espande nell’immaginazione di mille altre persone.

Fan di League of Legends che vogliono provare il suddetto campione, musicisti che attendono l’uscita del suo “tema” per ascoltarlo, disegnatori che ne attendono i primi schizzi, scrittori e lettori che ne attendono la storia.

Questo è quello che è accaduto quest’oggi.
Leggendo del processo che ha condotto Lillia alla sua realizzazione, dei mille imprevisti in cui lo staff della Riot Games si è arenato, di come abbiano cercato di superarli perseverando nella loro idea.
E di come, questa semplice e banale idea abbia avuto un’immensa e lampante risonanza nella community.

“Un centauro” già visto.
“Hecarim e Neeko?” già visti.
“Addormentare?” Già visto.
“Un viso carino?” Già visto anche questo.

Ed allora perché, perché piace così tanto? Come è riuscita la Riot a colpire così profondamente il cuore dei suoi giocatori? Sono dei geni o dei demoni?

L’unica cosa che so è che questo Campione sia nato dall’idea dei sogni e nel vedere l’artwork realizzata da una giocatrice, non si può far altro che..

..Sognare..

È doveroso fare i complimenti a Axyachan per questo capolavoro.

Lillia ancora deve uscire e già ha così tanto: uno spazio nel cuore delle persone, nelle loro menti.
Dannata Riot.
Dannatissima Riot.

Volete restare aggiornati sullo sviluppo del Campione?
Non perdetevi le sue abilità ed il suo annuncio!

Non dimenticate di seguirci sui nostri social per rimanere sempre aggiornati sui vostri titoli preferiti!

Last modified: Luglio 9, 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.